Dicas

 

 

 
 
 
IL ‘‘SUPER FRUTTO’’ CHE CONTRASTA MALATTIE
 
 
 
 
 
 
Colorato, dolce e morbido, il frutto del quale parliamo finora era conosciuto soprattutto per queste qualità in cucina, ma da oggi ben quattro studi scientifici sono concordi ad attribuirgli qualità benefiche straordinarie e sconosciute.
 
Il mango è in grado di contrastare obesità e costipazione ed ha proprietà importanti anche come anti-tumorale.
 
I lavori sono stati presentati alla Experimental Biology Conference 2016 a San Diego. A sostenerli il Mango National Board, gruppo nato per stimolare la conoscenza e il consumo di mango freschi negli Stati Uniti.
 
Il frutto, nonostante sia dolcissimo, contiene solo 100 calorie in 100 grammi, ma ha un ottimo apporto di vitamine A e C e di fibre.
 
I quattro nuovi studi sugli effetti di questo alimento suggeriscono che ha il potenziale di aiutare a combattere gli effetti negativi associati a diete ad alto contenuto di grassi e l’obesità (lo hanno confermato test su animali), inibire la crescita delle cellule adipose (proprietà anti-lipogeniche in uno studio in vivo), di rallentare l’avanzamento dei tumori al seno (studio su animali), nonché migliorare la regolarità e di diminuire l’infiammazione associata con la costipazione (studio su soggetti umani).
 
“Anche se saranno necessarie ulteriori ricerche, soprattutto negli esseri umani, c’è un crescente corpo di studi che suggerisce che il consumo di mango può avere effetti protettivi in relazione a obesità, alcuni tumori, salute e stato infiammatorio dell’intestino”, evidenzia Leonardo Ortega, direttore ricerca del Mango National Board.
 
 
 
L’ ALBERO
 
 
 
 
L’albero del mango è sempreverde, ramoso, alto fino a 35-40 metri e con una chioma di anche 10 metri di diametro. La corteccia è resinosa., il legno duro e ruvido, di color rosso. Le sue foglie sono alternate, semplici, lunghe 15-35 centimetri e larghe da 6 a 16. Quando sono giovani sono di colore variabile, arancio/rosa, che diviene rapidamente vinaccia per cambiare finalmente al verde quando sono mature. I fiori sono prodotti in pannocchie terminali lunghe 10-40 centimetri. Il colore del fiore è bianco rosato, con un odore che ricorda il mughetto. La fioritura è indotta da un prolungato (4-5 mesi) riposo della gemma terminale di ogni ramo. Tale riposo può avvenire indipendentemente per siccità, ridotta vigoria vegetativa o basse temperature. Se tale riposo non avviene all’apertura la gemma presenterà uno sviluppo vegetativo e non floreale. Pochissimi dei fiori sviluppano il frutto, che presenta anche una cascola elevata. Il frutto richiede da tre a sei mesi per maturare, a seconda delle cultivar.
 
 
 
IN CUCINA
 
I manghi sono ampiamente usati in cucina. Il mango acerbo insieme ad altri ingredienti forma il chutney, condimento molto diffuso in India per accompagnare la carne, oppure può essere mangiato crudo con sale o salsa di soia.
 
Una bibita estiva rinfrescante chiamata panna o panha viene fatta con il mango.
 
 
 
 
 
Sebbene i frutti maturi vengano principalmente mangiati freschi, essi vengono usati anche in alcune ricette. 
 
L’ Aamras è una bibita popolare fatta con mango e zucchero o latte, ed è bevuta accompagnata col pane.
 
 
 
 
 
 
 
I manghi maturi vengono anche spesso tagliati in fette sottili, disidratati, ripiegati e tagliati di nuovo. Le barrette ottenute sono simili alle barrette di guaiava disponibili in alcuni paesi. 
 
Il frutto maturo è anche aggiunto a prodotti come il muesli. 
 
Il mango può anche essere usato per fare succhi, nettari, e per dare sapore o essere il principale ingrediente in sorbetti e gelati. 
 
I manghi acerbi possono essere mangiati col bagoóng (specialmente nelle Filippine), salsa di pesce od un pizzico di sale.
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
FESTA DA ACHIROPITA 2016
 
 
( Todo o dinheiro arrecadado é revertido em obras sociais da paróquia )
 
 

 
 
 
A 90ª edição da festa de Nossa Senhora da Achiropita ainda acontece no bairro do Bixiga, aos sábados e domingos, até o dia 4 de setembro, desde o dia 6 de agosto. O evento gastronômico estima receber um total em torno de 250 mil pessoas dispostas a aproveitar culinária e música italiana.
 
Cerca de 30 barracas oferecem delícias como polenta (R$ 10), fatias de pizza (R$ 4), fogazza (R$ 8) e claro, os doces típicos. Instaladas pelas ruas 13 de maio, São Vicente e Doutor Luiz Barreto.
 
A Cantina Madonna Achiropita, situada à Rua 13 de maio, é um espaço separado que vai além das barraquinhas de comida e conta com show ao vivo da banda Felice Itália. Para participar, é preciso comprar ingresso, cujo preço vai de 20 a 80 reais, variando de acordo com o dia (crianças pagam meia), e que pode ser adquirido na própria paróquia.
 
 

 
 
 
Os organizadores calculam que cerca de 12 mil fogazzas são consumidas todas as noites e que mais de 900 voluntários vão trabalhar durante o evento. A homenagem à padroeira começou no início do século passado com a chegada dos primeiros imigrantes italianos ao bairro do Bixiga. Todo o dinheiro arrecadado na festa é revertido para as obras sociais da paróquia.
 
A Procissão de Nossa Senhora Achiropita aconteceu no dia 21 de agosto, com saída marcada de tarde em frente à igreja.
 
 
 
PORQUE ACHIROPITA ?
 
 
Como Nossa Senhora “Achiropita” é um título tão diferente dos conhecidos e comuns nomes atribuídos à Mãe de Jesus Cristo, convém explicar seu significado. Sempre possível contando uma bonita história, que pertence à tradição do povo italiano, vindo da Calábria para o Brasil, no final do século XIX.
 
 

 
 
 
Eis a história:
 
No ano de 580 um certo capitão Maurício enfrentou uma grande tempestade em alto mar. Gritava por socorro à Nossa Senhora e prometeu que, se fosse salvo com sua tripulação, construiria um santuário em sua homenagem. Desviado pelos ventos, por um milagre, conseguiu salvar-se e, na aldeia em que atracou, encontrou um monge que lhe disse: “Não foram os ventos que o trouxeram para este lugar. Foi Maria, para que lhe construa um santuário, quando o senhor for eleito imperador”. A profecia cumpriu-se e o santuário foi construído em Rossano Calabro. Um artista da região iniciou uma pintura da imagem de Maria. Ocorria, no entanto, que tudo o que pintava durante o dia, desaparecia à noite. Assim, colocaram um vigilante para impedir a entrada de possíveis intrusos, que estivessem danificando a pintura.
 
Numa certa noite, uma formosa mulher, com uma criança no colo, pediu para entrar e rezar. Após insistir, obteve a permissão. Que mal poderia fazer aquela gentil senhora? 
 
Passaram longos minutos e a mulher não saía da igreja. Quando o vigilante entrou, viu a imagem da mulher e do menino estampada no lugar da pintura. Por esta razão o vigilante saiu gritando pelas ruas: Nossa Senhora Achiropita! Nossa Senhora Achiropita! (A-kirós-pita - não pintada por mãos humanas).
 
Esta é a devoção Mariana que os irmãos italianos trouxeram para o Brasil e que é venerada como protetora e Mãe da comunidade. Sua festa é celebrada oficialmente em 15 de agosto, dia da Assunção de Nossa Senhora.
 
No Brasil, só existe uma igreja dedicada à Nossa Senhora com o título de Achiropita, e se encontra em São Paulo, no bairro da Bela Vista (Bixiga). A festa alusiva que ocorre todo ano é a maior comemoração religiosa da cidade.
 
 

 
 
 
Horários:  Sábado - 18 às 24h.  Domingo - 17h30 às 22h30
 
Onde:  Rua 13 de Maio - Bela Vista - São Paulo - SP
 
Informações:  (11) 3106-7235  /  contato@achiropita.org.br
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
A festa da Paróquia de Nossa Senhora de Casaluce é a mais antiga e tradicional festa italiana da cidade de São Paulo. Acontece desde 1900 no Brás graças à articulação e empenho dessa comunidade.
 
O evento, que reúne 150 voluntários na preparação dos festejos, conta com mais de 30 barracas de comidas, bebidas e doces típicos italianos ao longo da Rua Caetano Pinto, inclusive com shows gratuitos, em todos os dias da festa. Oferece um espaço reservado para 250 pessoas onde acontecem shows de música italiana. O convite para ingressar nesse espaço dá direito a um prato de macarrão, um pedaço de pizza e um refrigerante. Conta também com ‘‘Ação entre Amigos’’, vários prêmios e sorteios relâmpagos.
 
A arrecadação destina-se à assistência em prol das pessoas mais carentes da região e para a continuidade das obras que estão sendo realizadas na Igreja.
 
 
História
 
A história de Nossa Senhora de Casaluce vem do sul da Itália (século XII). Na cidade de Aversa, em um dia de temporal muito forte, uma linda moça negra bateu à porta de um seminário. Como a entrada de mulheres nestas instituições era proibida, os padres pediram para ela ir a um convento na cidade mais próxima, Casaluce, que significa “Casa de Luz”. As freiras a acolheram e a instalaram em um quarto. No dia seguinte, as freiras não a encontraram e no seu lugar havia apenas um quadro – era a figura da moça com uma criança nos braços. A partir daí vários milagres foram atribuídos àquela santa.
 
A Paróquia de Nossa Senhora de Casaluce em São Paulo guarda uma relíquia dessa santa, um quadro vindo da Itália em 1900. Essa obra fica guardada em local protegido durante a festa e no Tríduo de Preparação além da própria Procissão em Devoção à Nossa Senhora, no último final de semana da festa, ela é exposta para todos os fiéis, preservando a tradição.
 
 
30/04 a 29/05 de 2016 - apenas aos Sábados (18h às 24h) e Domingos (18h às 23h)
 
Rua Caetano Pinto, 608 / 618 – Brás – São Paulo - SP
 
Fone: (11) 3209-6051
 
 
 
 
 

 

 
 
 
ECCO I CONSIGLI GIUSTI PER UNA PIZZA PERFETTA
 
 
 
 
 
 
Una pizza golosa e ricca si può cucinare anche a casa, basta conoscere alcuni trucchi e rispettare la materia prima. La stessa potrà anche essere senza glutine e, vi assicuriamo, sarà ottima ugualmente.
 
 
Pulizia innanzitutto
 
Per stendere la pizza bisogna avere le mani a posto, niente anelli, né bracciali, unghie corte e mani pulite (o guanti). Per impastare utilizzate l’asse di legno apposita ben infarinata, asse che non dovrete mai lavare con solventi o detersivi, ma solo raschiare dall’impasto con un coltello e pulire con una pezzetta ed un po’ d’acqua.
 
 
Il lievito di birra
 
E’ il sistema più semplice e veloce, ma attenzione a rispettare i tempi giusti. Per la pizza si può usare sia il lievito di birra fresco venduto in piccoli panetti sia il lievito di birra disidratato, venduto in bustine. Per quanto riguarda il lievito di birra solitamente come dose viene indicato 25 gr per mezzo kg di farina (un cubetto di lievito fresco) o la bustina intera (7gr) per mezzo chilo di farina e una lievitazione abbastanza veloce.
 
Questo se si vuole ottenere un impasto veloce (due o tre ore), ma se si vuole ottenere il massimo della digeribilità dimezzate le dosi e attendete un’intera notte prima di stendere l’impasto lievitato.
 
 
Il lievito madre
 
L’uso del lievito madre cambia un po’ il gusto della pizza, donandole quel sapore e profumo tipico leggermente acidulo. Richiede necessariamente una lievitazione lunga, ma garantisce un prodotto organoletticamente più ricco, completo e sano.
 
 
Il contenitore
 
Fondamentale scegliere il contenitore giusto, una boule di vetro o plastica è perfetta solo se di dimensioni doppie rispetto all’impasto. Il contenitore può essere semplicemente infarinato oppure unto con olio. Ricoprire il contenitore con della pellicola trasparente o con un panno umido. Non lavare mai i contenitori con detersivi e solventi, è sufficiente acqua e aceto.
 
 
Stendere l’impasto con semplicità e senza fatica
 
Sconsigliato l’uso del mattarello che rende meno “casereccia” la pizza e la focaccia. Stendi la pasta con le mani premendo dal centro ed esercitando una pressione dall’alto verso il basso. Se nello stendere la pasta, tendesse a ritirarsi, risultasse cioè troppo elastica, è sufficiente lasciarla lì, così com’è e lasciarla riposare qualche minuto finché non opporrà più resistenza.
 
 
Cottura perfetta
 
La cottura perfetta si ottiene con un po’ di sacrificio, innanzitutto accendete e portate il forno a 200°, quando è caldo, disponi la teglia sul fondo del forno per circa 5 minuti o comunque fino a quando con una paletta puoi sentire che il sotto è quasi cotto, poi metti la teglia a metà altezza, abbassa a 180° e lascia cuocere fino alla fine.
 
I tempi sono dettati dal tipo di forno e dall’altezza dell’impasto.
 
 
Il pomodoro, sì ma quale usare?
 
Il pomodoro è il primo ingrediente a farcire la pasta della pizza. Se si usano i pomodori pelati è bene tagliarli a pezzetti e farli scolare molto bene oppure per una salsa più liscia schiacciarli e passarli. Se si usa la polpa di pomodoro è importante sceglierla di buona qualità. Si può utilizzare anche la passata di pomodoro, ma dipenda dal gusto personale e dalla qualità. Molte passate possono risultare troppo dolciastre. Se si vuole usare il pomodoro fresco tipo ciliegino, come per esempio i Pachino, è assolutamente da usare solo nella stagione estiva quando la loro qualità e freschezza ne garantisce un sapore gustoso. Vanno lavati, tagliati a metà e dopo averli fatti scolare un po’ li si dispone sulla pizza con la pelle rivolta verso l’alto.
 
 
Dopo l’impasto si stende anche il pomodoro
 
Si usa il cucchiaio per prendere la salsa di pomodoro e poi si stende con il dorso in modo rotatorio fino ad avere una quantità uniforme su tutta la pasta evitando di passarla sui bordi che altrimenti non risulterebbero croccanti. Non bisogna esagerare con la quantità di pomodoro, deve essere un velo che lasci intravedere parte della pasta. Si può condire la salsa con olio extra vergine e un pizzico di sale prima di cospargerla sull’impasto.
 
 
Fior di latte, mozzarella o provola?
 
Per dare un po’ di gusto in più l’ideale è la provola o la scamorza affumicata. La pizza resterà asciutta e l’affumicatura darà un gusto più forte alla pizza. Meglio ancora se mischiata con del fior di latte e stando attenti che non bruci se la vostra pizza richiede una cottura lunga.
 
La fior di latte è molto buona nella pizza, ma va tagliata e fatta scolare almeno un’ora prima. La mozzarella va sfilacciata con le mani, mai con il coltello.
 
Usare la mozzarella di Bufala, è abbastanza difficile anche se il suo gusto rende la pizza speciale, ma il rischio è che rilasci davvero troppo liquido bagnando troppo l’impasto. È preferibile lasciarla scolare molto bene e disporla sulla pizza a metà cottura, ma questo dipende molto dal calore del forno e dai tempi di cottura necessari in base anche all’altezza della pasta.
 
 
La pizza con le verdure
 
Questa è un’ottima scusa per consumare anche un po’ di verdure, rigorosamente stagionali, che rendono la nostra pizza buona e più leggera.
 
Se si sceglie di mettere delle verdure grigliate come zucchine, melanzane, peperoni, radicchio, si deve evitare di cuocerle troppo perché durante la cottura della pizza potrebbero bruciacchiarsi.
 
Le cipolle bianche, rosse o dorate vanno tagliate ad anelli sottili e disposte da crude sulla pizza. Se risultassero troppo forti le si può tenere a bagno per un po’ in acqua fredda, perderanno un po’ del loro gusto pungente. Gustoso è l’abbinamento classico tonno e cipolle.
 
Se si sceglie di guarnire con verdure fresche bisogna tagliarle MOLTO sottili in modo che cuociano completamente in forno con la pizza. In questo caso sono belle da vedersi se tagliate per il lungo.
 
La rucola va rigorosamente aggiunta da cruda e abbondantemente sulla pizza appena sfornata.
 
 
I funghi sulla pizza
 
Rilasciando molta acqua, l’uso dei funghi sulla pizza richiede un po’ di attenzione. Solitamente si usano i funghi champignon freschi, ben puliti (evitare l’acqua) e tagliati molto sottili dello spessore di 1-2 millimetri circa. Se si sceglie di usare funghi congelati, anche misti, è necessario scongelarli e scolarli bene dall’acqua prima dell’uso.
 
 
Salumi, prosciutto crudo, ecc
 
Il prosciutto crudo deve sempre essere messo sulla pizza all’uscita dal forno, in modo che si scaldi appena con il calore. Infatti se cuoce il prosciutto crudo rilascia un odore non gradevolissimo e si penalizza il sapore. Si può scegliere di mettere le fette intere che danno un bel tocco estetico oppure scegliere la praticità e tagliarlo a striscioline che saranno meglio distribuite sulla pizza. Tanti sono i salumi adatti alla pizza, per citarne alcuni: prosciutto crudo, speck, coppa, soppressata, bresaola, salame, salame piccante, ciauscolo, salsiccia, mortadella…
 
 
Il formaggio sulla pizza
 
Immancabili sono mozzarella, provola e fior di latte, ma si possono usare molteplici qualità di formaggio. Tra i  più gustosi: gorgonzola, taleggio, stracchino, fontina. Tagliare il formaggio o i formaggi a cubetti e aggiungerli uniformemente sulla pizza stando lontano dal bordo. Si può optare per una pizza ai formaggi rossa, quindi con pomodoro, oppure bianca, cioè solo con i formaggi.
 
 
Basilico lucido e fresco sulla pizza
 
Per evitare che le foglie di basilico fresco messo sulla pizza si secchino durante la cottura, immergetele per un istante nell’olio. Il basilico, come il prezzemolo, è un’erba che va aggiunta solo alla fine della cottura e non durante, altrimenti, perde parte del suo profumo.
 
 
Cautela con Calzone in forno
 
Non far “scoppiare” il calzone perché il tuo calzone non “esploda” in forno, prima di infornare, fai un pizzicotto sulla superficie per creare un piccolo buchetto che servirà da sfiatatoio per l’aria e l’umidità.
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PUBLICIDADE

Banner Banner Banner